Redazione e aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi

Il documento valutazione dei rischi, deve essere effettuato da ogni azienda entro 90 giorni dall’avvio dell’attività. Tale documento deve contenere una valutazione dettagliata di TUTTI i rischi presenti negli ambienti di lavoro e deve essere elaborato secondo quanto predisposto dal D.Lgs.81/2008.

  • Stesura del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) con programma di miglioramento;
  • Stesura di Documenti di Valutazione dei Rischi specifici (DVR chimico, rumore, vibrazione, ATEX, stress lavoro correlato, POS per cantieri);
  • Individuazione delle misure di prevenzione e protezione da attuare, compresa la formazione;
  • Elaborazioneconsegna e spiegazione del documento;
  • Mantenimento del documento DVR aggiornato in base ai cambiamenti aziendali e/o legislativi.
Prevenzione incendio

Predisposizione di piani di emergenza (D.M. 10/03/1998) e delle planimetrie di evacuazione

  • Formazione specifica delle figure aziendali individuate (corso addetto antincendio rischio basso e medio di 4 e 8 ore)
Assunzione incarico RSPP esterno

L’INFAP mette a disposizione delle aziende figure altamente qualificate in grado di assumere, per l’azienda cliente, l’incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione esterno. In tal modo il cliente ha la possibilità di avvalersi di un professionista specializzato che provvederà a:

  • Individuazione dei fattori di rischio, la valutazione dei rischi nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell’organizzazione aziendale;
  • Predisposizione, in collaborazione con il Datore di Lavoro ed il Medico Competente, del Documento di Valutazione dei Rischi;
  • Elaborazione delle misure preventive e protettive di sicurezza e dei sistemi di controllo di tali misure;
  • Elaborazione delle procedure necessarie per svolgere le varie attività lavorative in tutta sicurezza;
  • Programmi di informazione e formazione dei lavoratori, come previsto dagli artt.36 e 37 del D.Lgs.81/08;
  • Partecipazione alla riunione periodica in materia di tutela della salute e di sicurezza (art. 35, 81/08);
DUVRI: Documento Unico di Valutazione dei Rischi di Interferenza

Che cos’è invece il DUVRI (art. 26 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.)?

Il datore di lavoro committente, ovvero colui che affida attività lavorativa a ditte esterne, ai sensi dell’art. 26 del D.Lgs. 81/2008 ha l’obbligo di promuovere la cooperazione e il coordinamento delle attività svolte da soggetti terzi, elaborando un unico documento di valutazione dei rischi di interferenza (il cosiddetto DUVRI) per attuare le relative misure di prevenzione e protezione garantendo così la sicurezza di tutti i lavoratori.
L’INFAP grazie ai suoi esperti collaboratori è in grado di fornire il supporto per la stesura del DUVRI.